salta al contenuto

Dichiarazione dell'accettazione dell’eredità con beneficio d'inventario

 

COSA È

È una dichiarazione che consente all’erede di non pagare i debiti ereditari e i legati oltre il valore dei beni a lui pervenuti in eredità.

In alcuni casi l'accettazione beneficiata è obbligatoria; in particolare devono accettare con beneficio d'inventario:

  • i minori o gli interdetti (art. 471 c.c.);
  • i minori emancipati o gli inabilitati (art. 472 c.c.)
  • le persone giuridiche, le associazioni, fondazioni e gli enti non riconosciuti, escluse, però, le società commerciali (art. 473 c.c.).

Per i minori, gli interdetti o gli inabilitati è anche necessaria una autorizzazione da parte del Giudice Tutelare del Tribunale dell’ultimo domicilio del soggetto interessato. In tutti gli altri casi l'accettazione beneficiata è facoltativa.

CHI LO PUÒ RICHIEDERE

Utenti chiamati all’eredità (potenziali eredi)

DOVE SI RICHIEDE

Cancelleria della Volontaria Giurisdizione

Piano: 3

Stanza: 301

Orario di apertura: Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 12.30.

 

Si osserva che:

  • La dichiarazione si effettua presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del Tribunale del circondario dove aveva l’ultimo domicilio il defunto;
  • La dichiarazione può essere effettuata anche presso qualsiasi ufficio notarile a prescindere dal domicilio;
  • La richiesta di autorizzazione per il soggetto incapace (minore, interdetto o inabilitato) si effettua presso il Tribunale del circondario dove risiede il soggetto.

COSA OCCORRE

  • Fotocopia del codice fiscale dell’accettante, del defunto e dell’eventuale persona per la quale si interviene;
  • Documento di identità dello/gli accettante/i, del defunto e dell’eventuale persona per la quale si interviene;
  • Se esiste, copia del testamento;
  • Certificato di morte rilasciato dal comune di residenza;
  • Se l’accettazione è in nome e per conto di un soggetto incapace (minori, interdetti o inabilitati), copia autentica dell’autorizzazione del Giudice Tutelare competente.

QUANTO COSTA

  • N. 2 marche da bollo da € 16,00;
  • N. 1 marca da bollo da € 11,06;
  • Imposta di trascrizione da € 294,00 da pagare tramite F23 fornito dalla Cancelleria (Deve essere consegnata in Tribunale la copia recante la dicitura "copia per l'eventuale presentazione all'ufficio" e con stampigliatura e firma in originale da parte del concessionario/banca/poste).

 

N.B.: il campo 5 dei dati anagrafici del modello F23 deve essere compilato con i dati del defunto pure della parte dichiarante

TEMPO NECESSARIO

A vista